Andrej Sergeev, Album di francobolli, a cura di Francesca Gamurrini, eSamizdat 2007 (V) 1-2, pp. 359-412

Scarica il Pdf completo di questo contributo
[Dall'incipit]
SCUOLA DELL'OBBLIGO
DALLA quarta classe alla settima e un monotono avvicendarsi di stati d'animo: paura, smarrimento, diffidenza, assuefazione, rimbambimento, noia.
La scuola e un ambiente uniforme, grigio, impersonale. Se anche ti hanno preso a pugni sul muso, in questo non c'è niente di personale. Quello che te le ha date non ha niente contro di te. Alla base di tutto non c'e la vita reale, bensì un rituale stabilitosi chissa quando.

Ti avvicini a scuola. Nel cortile, di lato alla folla di studenti, c'è solitamente uno delle classi inferiori che piange. I piu grandi immancabilmente svoltano, si avvicinano di corsa: - Chi e stato? - e, senza aspettare la risposta, passano oltre.
[...]
Scarica il Pdf completo di questo contributo

 
© eSamizdat 2003-2011, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli