“‘La fantascienza è la possibilità di parlare dei nostri problemi guardandoli da una stella...’. Dialogo con Vjačeslav Rybakov”, a cura di Stefano Bartoni, eSamizdat 2007 (V) 1-2, pp. 239-253

Scarica il Pdf completo di questo contributo
[Dall'incipit]
Vjačeslav Michajlovič Rybakov è nato a Leningrado il 20 gennaio 1954. Nel 1976 si è laureato alla facoltà di orientalistica dell’università di Leningrado e, dopo aver concluso anche gli studi di dottorato, ha trovato lavoro nella filiale di Leningrado dell’Istituto di orientalistica, dove lavora ancora oggi. Ha pubblicato più di 40 lavori scientifici, dedicati soprattutto all’analisi culturologica della legislazione e della burocrazia della Cina medievale. Ha iniziato a scrivere testi di fantascienza verso la metà degli anni Settanta e ha partecipato attivamente ai famosi seminari leningradesi dei giovani scrittori di fantascienza tenuti da Boris Natanovič Strugackij. Al giorno d’oggi Vjačeslav Rybakov ha pubblicato 6 romanzi e più di 20 fra racconti brevi e lunghi e rappresenta, senza ombra di dubbio, il miglior continuatore della grande tradizione della migliore fantascienza sovietica, quella, per intenderci, di Ivan Efremov e dei fratelli Strugackij. [...]
Scarica il Pdf completo di questo contributo

 
© eSamizdat 2003-2011, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli