Archivio rivista
Le Info
Compagni di Strada
 
Indice dell'ultimo numero: eSamizdat 2014-2015
Emigrazioni russe
-
Русские эмиграции

A cura di Marco Caratozzolo e Simone Guagnelli

Quello che presentiamo in questo numero di eSamizdat è una rassegna sulla letteratura dell’emigrazione russa. Si tratta diun argomento che, benché molto studiato ed estremamente complesso per le sue numerose fasi storiche (si pensi solo alletre “ondate” del Novecento) e per i diversi luoghi che ne hanno caratterizzato i flussi, offre oggi ancora enormipossibilità di approfondimento in molteplici direzioni: ecco perché preferiamo parlare non di una, ma di più“Emigrazioni russe”. Il Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e Culture Comparate (LELIA) dell’Università degli Studi di Bari ha cosìappoggiato l’iniziativa dei curatori di questa sezione, due studiosi della cattedra barese di Letteratura russa che datempo si dedicano a quell’affascinante fenomeno storico-culturale che è il Russkoe zarubež’e. Il percorso danoi seguito è stato semplicemente quello di chiedere a diversi studiosi italiani e russi di intervenire con le propriecompetenze sul vasto territorio delle “emigrazioni russe”, apportando nuovi stimoli di indagine. Al principaleobiettivo, cioè quello di proporre nuovi materiali scientifici sull’emigrazione russa, anche inediti (come nel caso di Aleksej-KonstantinovičLozina-Lozinskij), se ne associa uno più divulgativo che ci sta molto a cuore, cioè quello di raggiungere anche illettore non necessariamente specialista, o non russista. Per questo motivo abbiamo deciso di proporre per la primavolta in traduzione italiana alcuni studi che ci sembrano particolarmente significativi, oltre a traduzioni italiane diopere russe pubblicate in emigrazione (Ljubov’ Sen’ka Pupsika [L’amore di Sen’ka Bambolotto] di Jurij Annenkov e i primi capitoli di Poezdna tret’em puti [Treno sul terzo binario] di Don Aminado). Ne risulta un quadro eterogeneo, che tocca importanti punti nevralgici del territoriodell’emigrazione russa dall’inizio alla fine del XX secolo: accanto a quello italiano (Capri, Milano, Roma), all’interno di tale percorso si fanno luce i due grandicentri europei, Berlino e Parigi. A proposito del primo sono intervenute Michaela Böhmig, sullo scrittore Nikolaj Agnivcev, eDonatella Di Leo, sul quartiere di Charlottenburg. Sul contesto parigino hanno scritto invece Andrej Ar’ev (Georgij Ivanov), Irina Belobrovceva (Ivan Bunin), Aleksandr Danilevskij (Jurij P. Annenkov), Sergej Docenko (Aleksej Remizov) e Ljudmila Sproge (Leonid Zurov). Una interessante riflessione sulla vita del poeta Georgij Eristov, che visse e operò anche in Italia, ci è offerta da Stefano Garzonio e Fedor Poljakov.Le preziose considerazioni di Korostelev sulla stampa russa in America (l’esperienza della rivista Opyty), di Vjačeslav Dolinin sui rapporti dell'organizzazione Nts con il dissenso sotteraneo leningradese e di Stanislav Savickij sui contatti tra l'emigrazione russa e la comunità culturale clandestina in Urss chiudono il volume.
Ci congediamo esprimendo sentita gratitudine agli autori dei contributi e alle importanti istituzioni che rappresentano: l’Orientale di Napoli, le Università di San Pietroburgo, Pisa, Riga, Tallinn, Vienna, il Boston College, il Dom Russkogo zarubež’ja diMosca, la filiale pietroburghese dell'associazione Memorial e la rivista Zvezda.
Un particolare ringraziamento va poi a Manuela Mastrangelo per la fotografia in copertina e alla nostra veselaja kompanija [allegra compagnia] ditraduttori: Alessandro Cifariello, Rita Filanti, Anastasia Komarova, Massimo Maurizio, Anna Mezzina e AnnamariaStrippoli. Siamo anche molto grati a Maxim Shrayer, che ci ha permesso di pubblicare in traduzione italiana un estrattodel romanzo autobiografico Waiting for America, incentrato sulla sua esperienza di emigrato russo in Italia.


Marco Caratozzolo e Simone Guagnelli
Bari, novembre 2015



Emigrazioni russe - Русские эмиграции

A cura di Marco Caratozzolo e Simone Guagnelli
* Nota dei curatori, p. 3
[Versione PDF]
* Simone Guagnelli, “Satirikon a Capri. La rivista manoscritta di A.K. Lozina-Lozinskij e S.(I.) Ruzer”, pp. 5-16
[Versione PDF]
* Алексей К. Лозина-Лозинский, Савелий (И.) Рузер, Каприканонъ, cura e trascrizione di Simone Guagnelli, pp. 17-46
[Versione PDF]
* Donatella Di Leo, “Charlottengrad. L’enclave russa nella Berlino dei primi anni Venti”, pp. 47-55
[Versione PDF]
* Michaela Böhmig, “Le pubblicazioni berlinesi di Nikolaj Agnivcev”, pp. 57-75
[Versione PDF]
* Стефано Гардзонио, Федор Поляков, “Хроника больного времени: Заметки о биографии Георгия Эристова”, pp. 77-80
[Versione PDF]
* Irina Belobrovceva, “Il Premio Nobel nella percezione di Ivan Alekseevič Bunin e dei suoi cari”, traduzione dal russo di Annamaria Strippoli, pp. 81-93
[Versione PDF]
* Сергей Доценко, “Демифологизация образа Ф. Достоевского в книге А. Ремизова Учитель музыки”, pp. 95-101
[Versione PDF]
* Jurij P. Annenkov, “L’amore di Sen’ka Bambolotto”, postfazione e cura di Aleksandr Danilevskij, traduzione dal russo di Massimo Maurizio, pp. 103-110
[Versione PDF]
* Людмила Спроге, “Леонид Зуров. Повесть Кадет: вариант финала”, pp. 111-116
[Versione PDF]
* Don Aminado, “Treno sul terzo binario. (Capitoli I-VII)”, traduzione dal russo e saggio introduttivo [“Poezd na tret’em puti di Don Aminado: un’elegia della Russia di Čechov”] a cura di Marco Caratozzolo, pp. 117-128
[Versione PDF]
* Andrej Ar'ev, “Beauséjour(Una lettera di Georgij Ivanov a Vladimir Markov)”, traduzione dal russo di Anna Mezzina, pp. 129-142
[Versione PDF]
* Oleg Korostelev, “Opyty (New York, 1953-1958). Rivista-laboratorio al crocevia delle opinioni delle due ondate dell’emigrazione”, traduzione dal russo di Alessandro Cifariello, pp. 143-151
[Versione PDF]
* Вячеслав Долинин, “Эмигрантская организация НТС и антисоветское подполье в Ленинграде. Связи и сотрудничество в1950-80-е. гг.”, pp. 153-159
[Versione PDF]
* Stanislav Savickij, “L'emigrazione russa come promotrice della nascita della comunità culturale clandestina in Urss”, traduzione dal russo di Anastasia Komarova, pp. 161-165
[Versione PDF]
* Maxim D. Shrayer, “Da Aspettando America: Storia di una migrazione”, traduzione dall'inglese di Rita Filanti, pp. 167-184
[Versione PDF]
eSamizdat
Rivista quadrimestrale (peer-reviewed) di culture dei paesi slavi
Registrata presso la Sezione per la Stampa e l'Informazione del Tribunale civile di Roma. N° 286/2003 del 18/06/2003 ISSN 1723-4042
Direttore responsabile: Simona Ragusa
A cura di: Alessandro Catalano e Simone Guagnelli
Comitato scientifico: Giuseppe Dell'Agata, Paolo Nori, Jiří Pelán, Gian Piero Piretto, Stanislav Savickij

esamizdat[at]esamizdat.it
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli