Agnieszka Jaźwińska-Pudlis, Poemat o Tristanie i Izoldzie / Il poema di Tristano e Isotta, traduzione italiana e note di Marco Bizzarini, testo polacco a fronte, CLEUP, Padova 2006
Composto in versi liberi nel 2002, il testo di Agnieszka Jaźwińska-Pudlis distilla in tono lirico la materia narrativa medioevale compendiata ne “Le roman de Tristan et Iseut” (1900) di Joseph Bédier.

L’autrice ha sviluppato vasti interessi in campo letterario, artistico, teatrale e musicale. Ha fra l’altro curato la traduzione polacca di numerosi testi poetici e drammatici italiani, tra cui la “Passione” di Pietro Metastasio e le “Elegie romane” di Gabriele D’Annunzio. Collabora regolarmente con la rivista on line “De Musica - Nuove pagine” dedicata ad argomenti musicali polacco-italiani a cura del prof. Michał Bristiger.

Marco Bizzarini è attivo come saggista, ricercatore e critico musicale. Ha pubblicato numerosi volumi tra cui le monografie “Luca Marenzio: the career of a musician between the Renaissance and the Counter-Reformation” (Ashgate Publishing) e “Benedetto Marcello” (Palermo, L’Epos); ha inoltre tradotto dal polacco e curato il libro di Lidia Kozubek “Arturo Benedetti Michelangeli” (Palermo, L’Epos)

Per informazioni:
Marco Bizzarini, e-mail: marcobiz@numerica.it









 
© eSamizdat 2003-2007, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli