Convegno internazionaleLa Polonia in Italia
26-27 maggio 2006, Istituto Polacco di Roma
Palazzo Blumenstihl - Via Vittoria Colonna 1, 00193 Roma

Venerdì, 26 maggio
15.00
Inaugurazione:
Saluti dell’Ambasciatore della Repubblica di Polonia in Italia Michał Radlicki e degli organizzatori del convegno

Conferenza inaugurale del Prof. Jerzy Bralczyk
15.30.- 19.00
La Polonia in Italia (situazione nell’editoria, traduzioni, promozione)

Conduce: Luigi Marinelli, Università di Roma “La Sapienza”

Tomasz Pindel, rappresentante dell’Instytut Książki, Cracovia: L’attività dell’Instytut Książki in favore della promozione della cultura e letteratura polacca all’estero.

Witold Zahorski, Vicedirettore della Bibliothèque Polonaise de Paris: Un punto di vista franco-italo-polacco

Pietro Marchesani (Università di Genova): Introduzione

Tavola Rotonda
Temi: Bilancio degli ultimi anni, prospettive e strategie della promozione della cultura e letteratura polacca in Italia
editori: la politica editoriale, le linee generali della programmazione editoriale, i progetti;
traduttori: l’esperienza dei traduttori con le case editrici, i finanziamenti, i progetti;
domande o richieste nei confronti delle istituzioni polacche.

Segue: Breve presentazione (con omaggio ai presenti) del volume italo-polacco di AAVV, Mickiewicz in Italia nel 150° anniversario della morte (dedicato alla memoria di Andrzej Litwornia), a cura di Paweł Krupka e Luigi Marinelli, edizioni Heliodor, Varsavia 2006.

19.15. - 20:30 – Ricordo di Andrzej Litwornia
- proiezione del film di Piotr Załuski “L’ultima intervista a A.Litwornia”
- presentazione del libro Rzym Mickiewicza Poeta nad Tybrem (Prószyński i sk-a)
Andrea Ceccherelli, Jarosław Mikołajewski, Anton Maria Raffo, conduce: Pietro Marchesani




Sabato, 27 maggio

9.15. caffè
9.30. Conferenza inaugurale del Prof. Wladyslaw Miodunka L’insegnamento di lingua polacca all’estero
10.00 – 13.00:
L’insegnamento della lingua polacca in Italia
Conduce: Irena Putka, Università di Torino
La prospettiva polacca: Iwona Jedrzejczak, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale, Ministero dell’ Educazione e Scienza di Varsavia. Agnieszka Stryjecka (Università La Sapienza/Katolicki Uniwersytytet Lubelski), Monika Woźniak (Uniwersytet Jagieloński/Università La Sapienza): Introduzione
Tavola Rotonda
Partecipanti: lettori, esperti linguistici, insegnanti di lingua polacca in Italia, dottorandi, laureati.
- Quale tipo di insegnamento linguistico e per chi?
- Cosa insegnare e con quali intenti (e difficoltà) allo studente che parte da zero (a tradurre, a parlare, a leggere?, la grammatica?)
- Quali strumenti vecchi e nuovi impiegare nell’insegnamento della lingua?
- I problemi della manualistica.
- Particolari problemi legati all’insegnamento per gli studenti di madrelingua (o di “quasi-madrelingua”) polacca.
- ecc.

13:00 – 14.30. Pausa pranzo

15.00. - 18.30.
Le cattedre e insegnamenti di lingua e letteratura polacca in Italia; situazione attuale, problemi, prospettive.
Conduce: Jolanta Żurawska, (Università “L’Orientale” di Napoli).
Introduzione: Marina Ciccarini “La polonistica universitaria e i problemi della didattica”.
Tavola Rotonda
Partecipanti: titolari di cattedra, professori di letteratura/cultura/lingua polacca, dottorandi, laureati, laureandi.
- Quale canone proporre agli studenti italiani di polonistica? Quali strumenti, vecchi e nuovi, della didattica della cultura e letteratura polacca in Italia?
- Tipi di problemi didattici riscontrati negli ultimi anni. L’impatto della riforma Zecchino-Moratti.
- Quale “polonistica” oggi? E’ possibile limitarsi allo studio tradizionale della lingua e della letteratura?
18.30. Chiusura dei lavori

Organizzatori:
Università La Sapienza – Dipartimento di Studi Slavi e dell’Europa Centro-Orientale Università (professor Luigi Marinelli)
Università Tor Vergata – Dipartimento di Studi Filologici, Linguistici e Letterari (professoressa Marina Ciccarini)
Accademia Polacca delle Scienze (professoressa Elżbieta Jastrzębowska) Istituto Polacco di Roma


 
© eSamizdat 2003-2005, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli