Riccardo Picchio, I segni di Dedalo, a cura di Giuseppe Dell’Agata, ed. ETS, Pisa 2007
In questi giorni è uscito, presso le edizioni ETS di Pisa, I segni di Dedalo, di Riccardo Picchio. Il volumetto, curato da Giuseppe Dell’Agata, comprende una raccolta di poesie ‘isocoliche’ del celebre slavista e bulgarista. Le poesie, in forma di diario intimo, risalgono per lo più agli anni 1976-1980, quando Picchio insegnava alla Yale University. Introdotte da una Nota del curatore, le poesie sono precedute e concluse da due testi di Picchio, nei quali l’autore spiega i risultati della sua ricerca sulla prosa ‘isocolica’ del Medioevo slavo ortodosso e la sua scommessa di comporre testi italiani lirico-meditativi, a volte connessi con la sua attività di slavista militante, costringendoli in una trama ritmica sempre più obbligata.
Il volumetto, dal costo di 12 euro, è offerto agli iscritti all’AIS e agli studenti di slavistica, al prezzo di 9 euro. Può essere ordinato alle Edizioni ETS (EDIZIONI ETS, piazza Carrara 16-19, 56126, Pisa) anche per posta elettronica (info@edizioniets.com). Il pagamento può essere richiesto in contrassegno o tramite conto corrente postale n. 14721567 intestato a EDIZIONI ETS Pisa). In entrambi i casi le spese postali saranno di 3 euro.







 
© eSamizdat 2003-2016, Alessandro Catalano e Simone Guagnelli